Monti, Kunic e la traduzione dell'Iliade