Il contributo, incluso negli atti del convegno internazionale tenuto dal Centro interuniversitario che aggrega gli atenei del Nordest, promovendo studi mirati a definire la complessa identità culturale e socioeconomica delle Venezie con un approccio multidisciplinare, tratta delle due 'classiche' tipologie della cooperazione di credito, banche popolari e casse rurali. Con il loro affermarsi, tra gli anni '60 e '80 dell'Ottocento, fu avviato finalmente a soluzione nelle Venezie il delicato problema del credito, una delle variabili fondamentali del sistema economico, mettendo in moto un processo di promozione sociale e liberazione dalle usure delle componenti più disagiate del mondo agricolo ma anche della piccola e media borghesia cittadina. Sono qui illustrate le specificità dei due modelli bancari cooperativi sotto i profili giuridico, delle aggregazioni sociali, delle risorse raccolte e amministrate, della politica degli impieghi, con particolare attenzione alla loro capacità di sostegno del settore agricolo, su cui si fondava allora il tessuto produttivo del Nordest. I dati riportati e le considerazioni interpretative avanzate poggiano su preesistenti indagini archivistiche e sulla storiografia relativa alle Raiffeisenkassen e alle popolari luzzattiane. E' documentata in queste terre la notevole rilevanza socioeconomica, fin dai suoi esordi, della cooperazione di credito, promotrice e finanziatrice a sua volta di altre tipologie cooperative, sia per arginare l'antieconomica tesaurizzazione del denaro, sia soprattutto per consentire l'accesso al credito anche agli operatori minori.

La cooperazione di credito nelle Venezie dal 1866 al 1915

BOF, Frediano
2002

Abstract

Il contributo, incluso negli atti del convegno internazionale tenuto dal Centro interuniversitario che aggrega gli atenei del Nordest, promovendo studi mirati a definire la complessa identità culturale e socioeconomica delle Venezie con un approccio multidisciplinare, tratta delle due 'classiche' tipologie della cooperazione di credito, banche popolari e casse rurali. Con il loro affermarsi, tra gli anni '60 e '80 dell'Ottocento, fu avviato finalmente a soluzione nelle Venezie il delicato problema del credito, una delle variabili fondamentali del sistema economico, mettendo in moto un processo di promozione sociale e liberazione dalle usure delle componenti più disagiate del mondo agricolo ma anche della piccola e media borghesia cittadina. Sono qui illustrate le specificità dei due modelli bancari cooperativi sotto i profili giuridico, delle aggregazioni sociali, delle risorse raccolte e amministrate, della politica degli impieghi, con particolare attenzione alla loro capacità di sostegno del settore agricolo, su cui si fondava allora il tessuto produttivo del Nordest. I dati riportati e le considerazioni interpretative avanzate poggiano su preesistenti indagini archivistiche e sulla storiografia relativa alle Raiffeisenkassen e alle popolari luzzattiane. E' documentata in queste terre la notevole rilevanza socioeconomica, fin dai suoi esordi, della cooperazione di credito, promotrice e finanziatrice a sua volta di altre tipologie cooperative, sia per arginare l'antieconomica tesaurizzazione del denaro, sia soprattutto per consentire l'accesso al credito anche agli operatori minori.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Cooperazione credito Venezie.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Non pubblico
Dimensione 1.69 MB
Formato Adobe PDF
1.69 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/685529
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact