La teoria linguistica dell’accento intensivo iniziale nel latino preistorico e la teoria del cosiddetto “ictus” intensivo nel verso dei poeti latini arcaici sono solo due ipotesi che in apparenza si sostengono a vicenda, ma in realtà urtano contro notevoli difficoltà. Si propone pertanto un’analisi alternativa, basata sull’ipotesi che l’apofonia nei composti latini sia funzionale alla fusione fonologica dei due membri composizionali. La conseguenza sul piano metrico è la negazione dell’esistenza di un ictus intensivo nel verso latino arcaico, di cui si ribadisce la sostanziale natura sensibile alla quantità sillabica.

L'apofonia nei composti e l'ipotesi dell'intensità iniziale in latino

ONIGA, Renato
1990

Abstract

La teoria linguistica dell’accento intensivo iniziale nel latino preistorico e la teoria del cosiddetto “ictus” intensivo nel verso dei poeti latini arcaici sono solo due ipotesi che in apparenza si sostengono a vicenda, ma in realtà urtano contro notevoli difficoltà. Si propone pertanto un’analisi alternativa, basata sull’ipotesi che l’apofonia nei composti latini sia funzionale alla fusione fonologica dei due membri composizionali. La conseguenza sul piano metrico è la negazione dell’esistenza di un ictus intensivo nel verso latino arcaico, di cui si ribadisce la sostanziale natura sensibile alla quantità sillabica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/687106
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact