La prova del danno esistenziale