Versione televisiva del omonimo monologo teatrale di Davide Enia. Anche vista dagli occhi di un bambino la guerra è guerra. È una tragedia vista dal basso, altezza innocenza - quella del piccolo Gioacchino, io narrante dello spettacolo - che si perde un po' alla volta. È lo sgretolamento a tappe di un piccolo nucleo familiare travolto dalle macerie della Storia. Il bombardamento di Palermo in "maggio '43" diventa così per Enia lo sfondo di uno smembramento più profondo: la perdita di paesaggi di riferimento e, con essi, le norme che regolano la vita in tempo di pace. Quel mondo che c'era prima e che soccombe sotto l'incalzare delle bombe e della lotta per la sopravvivenza. Per il piccolo Gioacchino l'iniziazione all'età adulta è un viaggio all'inferno, tra squadroni fascisti e borsanera, sfollamenti e case distrutte. Un "cunto" contemporaneo, dove i paladini sono ridotti a una guerra sporca e violenta, ma dove c'è spazio ancora per un'ultima filastrocca che leghi come fragile prezioso filo d'argento il passato che era e il futuro che sarà.

"maggio '43" (Collana "Teatro INcivile")

ROSSITTI, Marco;
2006

Abstract

Versione televisiva del omonimo monologo teatrale di Davide Enia. Anche vista dagli occhi di un bambino la guerra è guerra. È una tragedia vista dal basso, altezza innocenza - quella del piccolo Gioacchino, io narrante dello spettacolo - che si perde un po' alla volta. È lo sgretolamento a tappe di un piccolo nucleo familiare travolto dalle macerie della Storia. Il bombardamento di Palermo in "maggio '43" diventa così per Enia lo sfondo di uno smembramento più profondo: la perdita di paesaggi di riferimento e, con essi, le norme che regolano la vita in tempo di pace. Quel mondo che c'era prima e che soccombe sotto l'incalzare delle bombe e della lotta per la sopravvivenza. Per il piccolo Gioacchino l'iniziazione all'età adulta è un viaggio all'inferno, tra squadroni fascisti e borsanera, sfollamenti e case distrutte. Un "cunto" contemporaneo, dove i paladini sono ridotti a una guerra sporca e violenta, ma dove c'è spazio ancora per un'ultima filastrocca che leghi come fragile prezioso filo d'argento il passato che era e il futuro che sarà.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
l'Unita? - 29 gennaio 2006.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Non pubblico
Dimensione 172.6 kB
Formato Adobe PDF
172.6 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
l'Unita? - 25 ottobre 2006.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Non pubblico
Dimensione 125.21 kB
Formato Adobe PDF
125.21 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
l'Unita? - 26 aprile 2006.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Non pubblico
Dimensione 110.85 kB
Formato Adobe PDF
110.85 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/695005
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact