La difficile ‘identità’ della musica da film