Note sull’esperienza di Carlo Scarpa alla Triennale di Milano 1927-1960