Versione televisiva del omonimo monologo teatrale di e con Ascanio Celestini. La fabbrica e il suo doppio. Mitologico. Ovvero, il mondo del lavoro claustrofobico, ossessivo, atonale dell'industria trasformata in novella moderna da Ascanio l'affabulatore. Un lavoro partito da lontano e sul campo, secondo un metodo certosino di ricostruzione della memoria che Celestini intraprende con lunghi laboratori, interviste, consultazione di testi storici. Due anni di ricerche per imbastire il lungo monologo di "Fabbrica". In giro a far domande ai diretti interessati, operai della Piaggio o del polo industriale di Terni. Per entrare da vicino nel cuore delle storie, dei sentimenti e dei dolori e farne materia palpitante di una storia sola, umanissima e toccante, mitologica e poetica. Il racconto di una vita racchiuso in una lunga lettera che un operaio manda alla madre "in memoriam", di sé, del lavoro in fabbrica, delle voci e delle leggende che vi sono nate. Sorta di fiaba industriale raccontata in epoca post-industriale, che riscatta il lavoro oscuro degli operai e lo trasfigura in leggenda. Inedita epica per i molti che, alla fabbrica, hanno davvero sacrificato molto delle loro vite.

"Fabbrica" (Collana "Teatro INcivile")

ROSSITTI, Marco;
2006

Abstract

Versione televisiva del omonimo monologo teatrale di e con Ascanio Celestini. La fabbrica e il suo doppio. Mitologico. Ovvero, il mondo del lavoro claustrofobico, ossessivo, atonale dell'industria trasformata in novella moderna da Ascanio l'affabulatore. Un lavoro partito da lontano e sul campo, secondo un metodo certosino di ricostruzione della memoria che Celestini intraprende con lunghi laboratori, interviste, consultazione di testi storici. Due anni di ricerche per imbastire il lungo monologo di "Fabbrica". In giro a far domande ai diretti interessati, operai della Piaggio o del polo industriale di Terni. Per entrare da vicino nel cuore delle storie, dei sentimenti e dei dolori e farne materia palpitante di una storia sola, umanissima e toccante, mitologica e poetica. Il racconto di una vita racchiuso in una lunga lettera che un operaio manda alla madre "in memoriam", di sé, del lavoro in fabbrica, delle voci e delle leggende che vi sono nate. Sorta di fiaba industriale raccontata in epoca post-industriale, che riscatta il lavoro oscuro degli operai e lo trasfigura in leggenda. Inedita epica per i molti che, alla fabbrica, hanno davvero sacrificato molto delle loro vite.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
l'Unita? - 29 gennaio 2006.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Non pubblico
Dimensione 172.6 kB
Formato Adobe PDF
172.6 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
l'Unita? - 25 ottobre 2006.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Non pubblico
Dimensione 125.21 kB
Formato Adobe PDF
125.21 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
l'Unita? - 1 febbraio 2006.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Non pubblico
Dimensione 168.51 kB
Formato Adobe PDF
168.51 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Il Gazzettino - 17 febbraio 2012.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Non pubblico
Dimensione 27.49 kB
Formato Adobe PDF
27.49 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/857984
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact