L’intervento ripercorre la vicenda che sul finire del 1936 Vaccaro condivide con Enrico Del Debbio e Gio Ponti e che per meno di due mesi pare prospettare l’opportunità di redigere e coordinare l’esecuzione del “piano generale architettonico” di Addis Abeba. Il ruolo avuto da Vaccaro nello sfortunato incarico è posto in relazione al rapporto che, dai primi anni 1930, il suo sincretico quanto personale fare progettuale instaura con le esperienze delle avanguardie architettoniche europee.

L’altra modernità di Giuseppe Vaccaro in Africa

ZAGNONI, Stefano
2010

Abstract

L’intervento ripercorre la vicenda che sul finire del 1936 Vaccaro condivide con Enrico Del Debbio e Gio Ponti e che per meno di due mesi pare prospettare l’opportunità di redigere e coordinare l’esecuzione del “piano generale architettonico” di Addis Abeba. Il ruolo avuto da Vaccaro nello sfortunato incarico è posto in relazione al rapporto che, dai primi anni 1930, il suo sincretico quanto personale fare progettuale instaura con le esperienze delle avanguardie architettoniche europee.
978-88-492-1901-2
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/860569
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact