La riforma fallimentare, contrariamente alle attese, non ha prestato particolare attenzione ai profili del fallimento dell'impresa collettiva. Singolarmente ben tre norme del testo riformato si occupano, invece, di un istituto che nella pratica ha avuto ben scarso riscontro: i patrimoni e finanziamenti destinati introdotti dalla riforma del diritto societario. Degli stessi il legislatore fallimentare si occupa in tema di revocatoria, di contratti pendenti, e soprattutto nei nuovi artt. 154 e 155, con una serie di norme spesso di non facile coordinamento con la disciplina del codice civile.

I patrimoni destinati nella nuova disciplina concorsuale

GIORGI, Vittorio
2009

Abstract

La riforma fallimentare, contrariamente alle attese, non ha prestato particolare attenzione ai profili del fallimento dell'impresa collettiva. Singolarmente ben tre norme del testo riformato si occupano, invece, di un istituto che nella pratica ha avuto ben scarso riscontro: i patrimoni e finanziamenti destinati introdotti dalla riforma del diritto societario. Degli stessi il legislatore fallimentare si occupa in tema di revocatoria, di contratti pendenti, e soprattutto nei nuovi artt. 154 e 155, con una serie di norme spesso di non facile coordinamento con la disciplina del codice civile.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Giorgi[1].pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Non pubblico
Dimensione 754.02 kB
Formato Adobe PDF
754.02 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/861901
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact