La poesia di Biagio Marin (1891-1985) ha suscitato sin dagli anni Venti interesse presso i musicisti, primi fra tutti Antonio Smareglia e Luigi Dalla Piccola, ma complessivamente sono diverse decine i musicisti che hanno trovato ispirazione nelle opere del poeta gradese. Del musicista triestino Mario Martinelli (1894-1972) era già nota una partitura su versi di Marin, conservata nel manoscritto Civico 264, appartenente al Fondo Dono Paoletti, donato alla Biblioteca Civica di Gorizia nel 1985. Presso il Museo Teatrale ʻCarlo Schmidlʼ di Trieste è conservato il Fondo Mario Martinelli che conserva tutte le opere del musicista. In esso si trovano cinque manoscritti (mss. 140, 141, 241, 252, 367) che conservano nove liriche per voce e pianoforte - mai segnalate precedentemente - su versi di Biagio Marin; sono autografe e datate dal 1948 al 1961 e i versi sono tratti dalle raccolte Fiuri de tapo, La girlanda de gno suore, Canti de prima istae e Sénere colde. Le liriche sono caratterizzate da uno svolgimento piuttosto breve, di struttura semplice, e dall’impianto durchkomponiert; dal punto di vista stilistico queste composizioni si possono considerare degli schizzi evocativi di chiara ascendenza post-impressionistica.

Biagio Marin e la musica. Otto liriche per voce e pianoforte conservate al Museo 'Carlo Schmidl' di Trieste Udine, Forum, 2009

DEL BEN, Andrea
2009

Abstract

La poesia di Biagio Marin (1891-1985) ha suscitato sin dagli anni Venti interesse presso i musicisti, primi fra tutti Antonio Smareglia e Luigi Dalla Piccola, ma complessivamente sono diverse decine i musicisti che hanno trovato ispirazione nelle opere del poeta gradese. Del musicista triestino Mario Martinelli (1894-1972) era già nota una partitura su versi di Marin, conservata nel manoscritto Civico 264, appartenente al Fondo Dono Paoletti, donato alla Biblioteca Civica di Gorizia nel 1985. Presso il Museo Teatrale ʻCarlo Schmidlʼ di Trieste è conservato il Fondo Mario Martinelli che conserva tutte le opere del musicista. In esso si trovano cinque manoscritti (mss. 140, 141, 241, 252, 367) che conservano nove liriche per voce e pianoforte - mai segnalate precedentemente - su versi di Biagio Marin; sono autografe e datate dal 1948 al 1961 e i versi sono tratti dalle raccolte Fiuri de tapo, La girlanda de gno suore, Canti de prima istae e Sénere colde. Le liriche sono caratterizzate da uno svolgimento piuttosto breve, di struttura semplice, e dall’impianto durchkomponiert; dal punto di vista stilistico queste composizioni si possono considerare degli schizzi evocativi di chiara ascendenza post-impressionistica.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
MARIN PDF.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Non pubblico
Dimensione 1.04 MB
Formato Adobe PDF
1.04 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/862370
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact