Il lavoro rendiconta di un’attività di ricerca in corso finalizzata alla messa a punto di un database delle risorse lapidee storiche della regione Friuli Venezia Giulia.Partendo dall'ubicazione delle cave storiche, acquisita sulla base dei dati contenuti in due inventari ottocenteschi, la ricerca intende mettere in relazione i siti con gli edifici in cui i materiali sono stati impiegati, integrando, quando possibile, le conoscenze di base con immagini e riferimenti. Scopo della ricerca non è solo porre in evidenza la grande varietà di materiale lapideo della regione e la loro influenza sulla storia degli edifici, ma, anche, permettere un collegamento incrociato tra architettura, materiale da costruzione e dati geografici, attraverso uno strumento operativo, continuamente aggiornabile, di supporto per l’attività di pianificazione e intervento nel campo della salvaguardia e del restauro dell’edificato storico. | This paper provides an update on an ongoing research project aimed at developing a database of the historical stone resources of Friuli Venezia Giulia. Starting with the location of the historic quarries, discovered based on data from two nineteenth-century inventories, the project aims to link the sites with the buildings in which the materials were used, integrating, where possible, the basic information with images and other references. The aim of the research is not only to highlight the wide variety of stone materials in the region and their influence on the history of its buildings, but also to discover cross-connections between architecture, building materials and geographic data by means of a constantly-improved operational tool to support planning and intervention in the field of historic building preservation and restoration.

Working for an electronic database of historical stone resources in Friuli-Venezia Giulia (Italy)

FRANGIPANE, Anna
2010

Abstract

Il lavoro rendiconta di un’attività di ricerca in corso finalizzata alla messa a punto di un database delle risorse lapidee storiche della regione Friuli Venezia Giulia.Partendo dall'ubicazione delle cave storiche, acquisita sulla base dei dati contenuti in due inventari ottocenteschi, la ricerca intende mettere in relazione i siti con gli edifici in cui i materiali sono stati impiegati, integrando, quando possibile, le conoscenze di base con immagini e riferimenti. Scopo della ricerca non è solo porre in evidenza la grande varietà di materiale lapideo della regione e la loro influenza sulla storia degli edifici, ma, anche, permettere un collegamento incrociato tra architettura, materiale da costruzione e dati geografici, attraverso uno strumento operativo, continuamente aggiornabile, di supporto per l’attività di pianificazione e intervento nel campo della salvaguardia e del restauro dell’edificato storico. | This paper provides an update on an ongoing research project aimed at developing a database of the historical stone resources of Friuli Venezia Giulia. Starting with the location of the historic quarries, discovered based on data from two nineteenth-century inventories, the project aims to link the sites with the buildings in which the materials were used, integrating, where possible, the basic information with images and other references. The aim of the research is not only to highlight the wide variety of stone materials in the region and their influence on the history of its buildings, but also to discover cross-connections between architecture, building materials and geographic data by means of a constantly-improved operational tool to support planning and intervention in the field of historic building preservation and restoration.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2010_Frangipane.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Non pubblico
Dimensione 1.76 MB
Formato Adobe PDF
1.76 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11390/864607
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 3
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 3
social impact