Il saggio ricostruisce la storia e il significato progettuale degli allestimenti realizzati da Luigi Moretti a partire dalle mostre degli anni '30, per il Regime Fascista, fino alle esposizioni degli anni '50 e '60. L'analisi è diretta a verificare, altresì, come il complesso approccio teorico alle arti di Moretti (espresso nella sua rivista "Spazio") si manifesti negli allestimenti da lui realizzati.

“Mi attrae e usa sconvolgermi insegnandomi”. Gli allestimenti di Luigi Moretti

LANZARINI, Orietta
2010-01-01

Abstract

Il saggio ricostruisce la storia e il significato progettuale degli allestimenti realizzati da Luigi Moretti a partire dalle mostre degli anni '30, per il Regime Fascista, fino alle esposizioni degli anni '50 e '60. L'analisi è diretta a verificare, altresì, come il complesso approccio teorico alle arti di Moretti (espresso nella sua rivista "Spazio") si manifesti negli allestimenti da lui realizzati.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
030_Lanzarini_II_Moretti.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Non pubblico
Dimensione 325.21 kB
Formato Adobe PDF
325.21 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11390/880538
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact