Trash astrofisico: Rick Moody, _Le quattro dita della morte_