Walter Kempowski, W. G. Sebald e i tabù della memoria collettiva tedesca, di Raul Calzoni