Sulla "prefazione" alla Persuasione