L’Oratorio aquilano nel secondo Seicento: echi quietisti, condanne, relazioni