Lo sguardo in abisso. Il cinema sadiano e i limiti del rappresentabile