Tra dissimulazione e ironia, la voce discreta di Miguel Delibes