Attraverso l'analisi delle prassi di polizia relaive alla condizione giuridica degli stranieri (ingresso, soggiorno, allontanamento), la tesi ricostruisce la nascita e il consolidarsi dello ius migrandi italiano nel periodo dall'Unità al 1931. L'analisi è dedicata inizialmente alla delimitazione del concetto di "straniero" e alle sue problematicità; segue quindi l'esame delle pratiche sviluppate in relazione all'allontanamento (espulsione, rimpatrio, respingimento, altre forme di allontanamento coatto) dello straniero, che finivano per definire anche le condizioni effettive di soggiorno. Segue quindi l'esame della prima normativa sull'ingresso e soggiorno dello straniero introdotta nel 1915, nelle contingenze belliche, e delle prassi di internamento, che rappresentano uno "stato d'eccezione" in relazione allo straniero. Segue infine l'analisi delle pratiche che trovano definitva sistemazione nei TULPS del 1926 e del 1931, nei quali la condizione giuridica dello straniero viene sistematizzata definitivamente come questione di ordine pubblico, la cui gestione era largamente demandata alla discrezionalità delle attività di polizia.

“Stranieri che danno da fare alla Polizia”. Polizia e stranieri in Italia fra età liberale e fascismo (1861-1931) / Paola Tessitori - Udine : . , 2015 Jun 10. ((26. ciclo

“Stranieri che danno da fare alla Polizia”. Polizia e stranieri in Italia fra età liberale e fascismo (1861-1931)

TESSITORI, PAOLA
2015-06-10

Abstract

Attraverso l'analisi delle prassi di polizia relaive alla condizione giuridica degli stranieri (ingresso, soggiorno, allontanamento), la tesi ricostruisce la nascita e il consolidarsi dello ius migrandi italiano nel periodo dall'Unità al 1931. L'analisi è dedicata inizialmente alla delimitazione del concetto di "straniero" e alle sue problematicità; segue quindi l'esame delle pratiche sviluppate in relazione all'allontanamento (espulsione, rimpatrio, respingimento, altre forme di allontanamento coatto) dello straniero, che finivano per definire anche le condizioni effettive di soggiorno. Segue quindi l'esame della prima normativa sull'ingresso e soggiorno dello straniero introdotta nel 1915, nelle contingenze belliche, e delle prassi di internamento, che rappresentano uno "stato d'eccezione" in relazione allo straniero. Segue infine l'analisi delle pratiche che trovano definitva sistemazione nei TULPS del 1926 e del 1931, nei quali la condizione giuridica dello straniero viene sistematizzata definitivamente come questione di ordine pubblico, la cui gestione era largamente demandata alla discrezionalità delle attività di polizia.
Polizia; Stranieri; Diritto dell'immigrazione; Condizione giuridica degli stranieri
“Stranieri che danno da fare alla Polizia”. Polizia e stranieri in Italia fra età liberale e fascismo (1861-1931) / Paola Tessitori - Udine : . , 2015 Jun 10. ((26. ciclo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
10990_651_tesi tessitori def.ok.pdf

accesso aperto

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Non specificato
Dimensione 4.18 MB
Formato Adobe PDF
4.18 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/1132788
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact