TRA EMULAZIONE E RIFIUTO: LA RUSSIA, L’EUROPA E L’ALTERNATIVA CINESE