Stato protrombotico in pazienti con insufficienza renale lieve: possibile relazione con il danno cardiovascolare