Sul criterio di congruenza corografica nella teoria ascoliana del sostrato