L’arte pubblica dello spazio politico