L’approccio comunicativo all’insegnamento della lingua straniera: naturalmente razionale o razionalmente naturale?