Ricca e molteplice fu l’attività di traduttore di Pindemonte, dai moderni (specie dagli inglesi), ma soprattutto dai classici, latini e greci (il cui apice costituisce notoriamente la versione dell’Odissea), attivo in quella Verona che nel Settecento fu fucina di traduzioni e capitale del partito della «fedeltà» all’originale, secondo un’idea di traduzione elaborata da Scipione Maffei, alfiere e riconosciuta autorità del classicismo veronese. L’idea di traduzione di Pindemonte mostra un progressivo affrancamento da un modello autorevolissimo, e fortemente condizionante se non vincolante in altri apprezzabili traduttori veronesi, quale fu appunto Maffei, da lui peraltro assunto con discrezione, il cui approdo, ponderato e convinto, fu un’idea di traduzione come ricreazione, consentanea a quella di Cesarotti e di Monti.

L'idea di traduzione di Ippolito Pindemonte

CALIARO, Ilvano
2009

Abstract

Ricca e molteplice fu l’attività di traduttore di Pindemonte, dai moderni (specie dagli inglesi), ma soprattutto dai classici, latini e greci (il cui apice costituisce notoriamente la versione dell’Odissea), attivo in quella Verona che nel Settecento fu fucina di traduzioni e capitale del partito della «fedeltà» all’originale, secondo un’idea di traduzione elaborata da Scipione Maffei, alfiere e riconosciuta autorità del classicismo veronese. L’idea di traduzione di Pindemonte mostra un progressivo affrancamento da un modello autorevolissimo, e fortemente condizionante se non vincolante in altri apprezzabili traduttori veronesi, quale fu appunto Maffei, da lui peraltro assunto con discrezione, il cui approdo, ponderato e convinto, fu un’idea di traduzione come ricreazione, consentanea a quella di Cesarotti e di Monti.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
CALIARO-L'IDEA DI TRADUZIONE DI IPPOLITO PINDEMONTE.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Non pubblico
Dimensione 133.89 kB
Formato Adobe PDF
133.89 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/864623
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact