Qualche riflessione sulle ‘lingue speciali’. A partire da un recente lavoro