«Cortone me confecit etsi cum tedio»: lo scriptorium cortonese nel Medioevo