Rossana Rossanda e il cinema americano