“Mind the gap”. L’improvvisazione come agire intenzionale