I luoghi del gioco tra studi urbani e ricerca pedagogica