Sulle conseguenze civilistiche del contratto di lavoro a tempo parziale nullo