Una sublime irritazione. Thomas Bernhard e il problema della rappresentazione