La restrizione di libertà nella patogenesi dei disturbi del comportamento alimentare