Arte, terrore e differenza. L’opzione poetologica