Una saffica di Filippo Zamboni, Giosue Carducci e Scipio Slataper: tra Mitteleuropa e irredentismo culturale