Il molteplice infinito è uno: la modernità di Giordano Bruno