Un nuovo anglicismo sintattico?