Belloni, Robortello ed Egnazio: nuovi e vecchi documenti su una contesa umanistica