Sulla fonte greca della traduzione bruniana del Gorgia