Su alcuni inediti di Girolamo Amalteo