Tra malintesi ed equivoci: la generazione dell'ottanta e il cinema