Sull’interpretazione di tre teste del Museo Nazionale Concordiese