La corrispondenza fra Caterina Percoto e Giovanni Lotti