Ancora sulle fonti provenzali della sestina di Dante (con una nuova edizione di Ar es lo mont[ç] vermelltç e vertz di Gaucelm Faidit, BdT 167,10)