Dopo decenni di presenza costante nei libri di lettura e nei sussidiari delle scuole elementari, sulla poesia di Angiolo Silvio Novaro (Diano Marina, 1866 - Oneglia, 1938) sembra essere calato un velo di dimenticanza, dovuta forse anche al giudizio severo espresso su di essa dal conterraneo Eugenio Montale. Sensibilità minimalista, limpida spiritualità, lirismo delicato caratterizzano la poetica di Novaro, il cui frutto è l’espressività che trova in "Freschezza azzurra" un saggio eloquente e suggestivo. A candore e finitezza formale è improntata anche la versione friulana di Giorgio Faggin (Isola Vicentina, 1939) che qui si presenta.

Una traduzione inedita di Giorgio Faggin da Angiolo Silvio Novaro

ZANELLO G
2009

Abstract

Dopo decenni di presenza costante nei libri di lettura e nei sussidiari delle scuole elementari, sulla poesia di Angiolo Silvio Novaro (Diano Marina, 1866 - Oneglia, 1938) sembra essere calato un velo di dimenticanza, dovuta forse anche al giudizio severo espresso su di essa dal conterraneo Eugenio Montale. Sensibilità minimalista, limpida spiritualità, lirismo delicato caratterizzano la poetica di Novaro, il cui frutto è l’espressività che trova in "Freschezza azzurra" un saggio eloquente e suggestivo. A candore e finitezza formale è improntata anche la versione friulana di Giorgio Faggin (Isola Vicentina, 1939) che qui si presenta.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2009 - Studi Goriziani - Traduzione Faggin.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Non pubblico
Dimensione 193.51 kB
Formato Adobe PDF
193.51 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/1150799
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact