Assenza/presenze. Accertamenti metrici su di una poesia di Maxime Cella