Storie di “ordinaria diversità” e narrazioni mediali inclusive