L’ordinanza n. 132/2020, con la quale i Giudici di Palazzo della Consulta hanno nuovamente fatto ricorso alla tecnica dell’incostituzionalità accertata ma non dichiarata, inaugurata con il caso “Cappato”, offre uno spunto per una riflessione sulla delicata materia dei rapporti tra libertà d’espressione, prevista dall’art. 21 della Costituzione, ed il reato di diffamazione a mezzo stampa. Nel lavoro si muove dal presupposto, tratto dalla giurisprudenza tanto costituzionale quanto convenzionale, dell’improcrastinabile esigenza di ripensare l’ormai anacronistico bilanciamento tra libertà di manifestazione del pensiero e tutela della reputazione personale. Proseguendo lungo tale direttrice, si analizza proprio la summenzionata ordinanza n. 132/2020, per tentare di capire se la soluzione preconizzata con la discussa e divisiva ordinanza “Cappato” costituisca la genesi di un innovativo modulo decisorio, ovvero se rappresenti una sorta di ius singulare legato a doppio filo alle esigenze contingenti che l’hanno generata.

Un indizio è un indizio, ma due indizi sono una coincidenza? La tecnica “Cappato” colpisce ancora

Andrea Conzutti
2020

Abstract

L’ordinanza n. 132/2020, con la quale i Giudici di Palazzo della Consulta hanno nuovamente fatto ricorso alla tecnica dell’incostituzionalità accertata ma non dichiarata, inaugurata con il caso “Cappato”, offre uno spunto per una riflessione sulla delicata materia dei rapporti tra libertà d’espressione, prevista dall’art. 21 della Costituzione, ed il reato di diffamazione a mezzo stampa. Nel lavoro si muove dal presupposto, tratto dalla giurisprudenza tanto costituzionale quanto convenzionale, dell’improcrastinabile esigenza di ripensare l’ormai anacronistico bilanciamento tra libertà di manifestazione del pensiero e tutela della reputazione personale. Proseguendo lungo tale direttrice, si analizza proprio la summenzionata ordinanza n. 132/2020, per tentare di capire se la soluzione preconizzata con la discussa e divisiva ordinanza “Cappato” costituisca la genesi di un innovativo modulo decisorio, ovvero se rappresenti una sorta di ius singulare legato a doppio filo alle esigenze contingenti che l’hanno generata.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
3-Un indizio è un indizio, ma due indizi sono una coincidenza. La tecnica Cappato colpisce ancora.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Non pubblico
Dimensione 465.02 kB
Formato Adobe PDF
465.02 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/1212552
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact