L’articolata distribuzione geografica delle varietà romene è un riflesso delle complesse vicende storiche che hanno interessato l’area balcanica e carpato-danubiana dalla tarda Antichità fino all’Età moderna. Per secoli i romeni hanno convissuto con popolazioni di lingua diversa: ungheresi, slavi, albanesi, greci, tedeschi, turchi ecc. La formazione degli Stati nazionali (1821-1923) ha prodotto una prima semplificazione del quadro geo-linguistico, che, tuttavia, all’inizio del Novecento, rimaneva ancora estremamente variegato. In Romania risiedevano grosse minoranze alloglotte. Altrettanto cospicue erano le comunità romene presenti in altri Stati. Ben più radicali e traumatici sono stati i mutamenti causati, nel Novecento, dai due conflitti mondiali, dai nazionalismi di destra e di sinistra e dall’imperialismo sovietico. La caduta del muro di Berlino, con la fine dell’URSS e la disgregazione della Iugoslavia, ha significato per alcuni gruppi minoritari il riconoscimento della loro specificità linguistica (romeni dell’Ucraina e della Vojvodina, aromeni della Repubblica di Macedonia). Limitati sono rimasti invece i diritti degli aromeni albanesi e dei romeni della valle del Timoc. La situazione più critica è quella degli aromeni e dei meglenoromeni greci, che non godono di nessuna forma di riconoscimento. Nonostante i passi avanti compiuti negli scorsi decenni, il quadro complessivo appare piuttosto fosco a causa della forte contrazione demografica che ha interessato le comunità di lingua romena a partire dal 1989.

Sullo “stato di salute” delle varietà romene all’alba del nuovo millennio

ANDREOSE ALVISE
2016

Abstract

L’articolata distribuzione geografica delle varietà romene è un riflesso delle complesse vicende storiche che hanno interessato l’area balcanica e carpato-danubiana dalla tarda Antichità fino all’Età moderna. Per secoli i romeni hanno convissuto con popolazioni di lingua diversa: ungheresi, slavi, albanesi, greci, tedeschi, turchi ecc. La formazione degli Stati nazionali (1821-1923) ha prodotto una prima semplificazione del quadro geo-linguistico, che, tuttavia, all’inizio del Novecento, rimaneva ancora estremamente variegato. In Romania risiedevano grosse minoranze alloglotte. Altrettanto cospicue erano le comunità romene presenti in altri Stati. Ben più radicali e traumatici sono stati i mutamenti causati, nel Novecento, dai due conflitti mondiali, dai nazionalismi di destra e di sinistra e dall’imperialismo sovietico. La caduta del muro di Berlino, con la fine dell’URSS e la disgregazione della Iugoslavia, ha significato per alcuni gruppi minoritari il riconoscimento della loro specificità linguistica (romeni dell’Ucraina e della Vojvodina, aromeni della Repubblica di Macedonia). Limitati sono rimasti invece i diritti degli aromeni albanesi e dei romeni della valle del Timoc. La situazione più critica è quella degli aromeni e dei meglenoromeni greci, che non godono di nessuna forma di riconoscimento. Nonostante i passi avanti compiuti negli scorsi decenni, il quadro complessivo appare piuttosto fosco a causa della forte contrazione demografica che ha interessato le comunità di lingua romena a partire dal 1989.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2016_Sullo stato di salute delle varietà romene.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Non pubblico
Dimensione 411.35 kB
Formato Adobe PDF
411.35 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/1214885
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact